Aggiornati su questo blog tramite una mail!

domenica 12 aprile 2015

Romics primaverile, 2015.

Eccoci.
Ieri sono stato a questa edizione di Romics.
Ripetiamo la solita solfa: io, in questi posti, egoisticamente parlando, mi diverto. Solitamente, inoltre, trovo quello che sto cercando, non essendo un raffinato collezionista ma solo un avido lettore.
Di base, c'é da dire, l'edizione primaverile del Romics é assai peggiore di quella autunnale.
E' tutto dire, penserà qualcuno di voi.
Fumetti pochi, incontri con autori pochi, é un pupazzaio sgangherato dal quale qualcuno avvezzo ad altri palcoscenici fugge a gambe levate.
Lo so, ne sono cosciente.
Ripeto, tuttavia, che per me, che non sono un tampinatore di autori né un collezionista scrupoloso, la giornata passata in fiera con gli amici é sempre un piacere.
Il mio bottino, tanto per intenderci, non é stato affatto male:
Disegni originali a buon prezzo compreso un "Devil" del grande Gene Colan!
Sotto al grande Colan vi sono disegni di Hernandez Gilbert e Giuseppe di Bernardo.
Ho trovato anche un robot Bandai da aggiungere agli altri che ho: Getter Robot 1!
In conclusione, parlare dei difetti del Romics é come sparare sulla croce rossa, per usare una ben nota definizione: la fiera é mal collocata, i parcheggi assurdi e le barriere architettoniche fanno infuriare. Per non parlare dei prezzi degli stand (andate a dare un'occhiata) e della collocazione di giovani autori o indipendenti, sbattuti fuori dal passaggio che conta e sistemati in padiglioni scomodi o frequentati da gang di ragazzini fracassoni che cercano solo un posto in cui giocare.
Eppure anche questi autori pagano per il loro posto, sbaglio? E dovrebbero avere una maggiore visibilità proprio perché sono giovani o indipendenti.
Un'ultima nota, poi chiudo: con tutti i soldi che prendete, o voi organizzatori del Romics, ci sarà una volta - DICO: UNA VOLTA - in cui quelle maledette scale mobili saranno in funzione? Ma secondo voi una persona anziana o portatrice di handicap come accidenti ci arriva all'interno della fiera? Ma vi rendete conto che siamo la manifestazione fumettistica (?) della capitale?
No. Interessa solo il numero di biglietti strappati, che sono sempre altissimi, ogni semestre di più.
E tra essi ci sono anche io, a contribuire. Quindi, temo, la catena di mala organizzazione non si spezzerà tanto facilmente. Diciamo pure mai.
In attesa dell'Arf! di maggio, vi saluto.
Che sennò mi arrabbio davvero.
Il vostro fesso di quartiere.

sabato 4 aprile 2015

Nera d'Inchiostro, errata corrige!

Ciao a tutti!
Nel precedente post dedicato alla manifestazione umbra "Nera d'Inchiostro", che si terrà a Narni, centro storico, negli ultimi tre giorni di maggio, vi ho detto che sarei stato ospite il sabato e la domenica; ebbene, sono stato impreciso! Ci sarò sin dall'apertura, VENERDI' 29!
Quindi, non avete scuse per non venire a trovarmi.
Ci si vede!
P. s.
Vi rilascio la pagina Facebook della manifestazione con notizie, incontri, iniziative e ospiti:
https://www.facebook.com/pages/NERA-Dinchiostro/1479880538955125

giovedì 2 aprile 2015

Emanuele Taglietti, eccellenza italiana.

Lo so già da me, gente: intitolare un nuovo post "eccellenza italiana", riferendosi ad un nostro artista e poi pubblicizzare un volume a lui dedicato in inglese, stride. Stride brutalmente come un ossimoro venuto male.
Eppure è così, la pura verità: per dedicare finalmente una monografia a Emanuele Taglietti, pittore, copertinista, illustratore e insegnante, abbiamo dovuto attendere che lo facessero gli inglesi della Korero Press!
Emanuele, ferrarese doc, di cui vedete in alto una foto durante una fase di lavoro, é uno di quegli artisti che fanno sgranare gli occhi quando si ammirano le loro opere, e che rendono invidiosi gli appassionati del resto del mondo.
Copertinista eccelso di varie testate horror / erotiche degli anni settanta e ottanta, la sua pennellata così inconfondibile rimane, però, particolarmente nella nostra memoria per ciò che concerne la bellissima vampira "Sukia", ideata da Nicola del Principe con le fattezze dell'attrice più in voga dell'epoca, Ornella Muti.
Non erano personaggi eccezionali, é vero, né per ciò che concerne i testi né per quello che riguarda i disegni, ma alzi la mano chi non ritiene fossero da acquistare e conservare se non altro per le stupende copertine: colori stuzzicanti, scene provocanti e misteriose, personaggi incredibili.
Oggi, dunque, da Londra rendono merito a Taglietti con un bellissimo volume di oltre 150 pagine con disegni e illustrazioni a tutta pagina, resi magnificamente dalla scelta del volume, di grande formato; avremmo dovuto farlo noi, dite, e già da diverso tempo? Avete ragione, l'ho premesso in apertura. Così non é, accontentiamoci e godiamo del volume, dunque, già ordinabile da molti store on - line, e perdiamoci in quei colori turbinanti e promettenti, capaci di regalare un mondo intero in una sola tavola.
Vi mostrerò qualche opera di Emanuele Taglietti, di cui mi considero fortunato amico, non necessariamente subordinate al volume qui discusso, ma che non mancheranno di farsi apprezzare dallo spettatore più distratto o ignorante in materia ivi trattata:


Chiudo con un piccolissimo vanto: una delle copertine presenti nel volume, esattamente quella utilizzata per l'albo di "Sukia" intitolato "Gary", é in mio possesso, presente nella mia collezione da tempo e appesa sulle pareti del mio studio; ve la mostro con piacere:
Io mi tengo ben stretto il libro in questione, un vero must, ovviamente con dedica dell'artista, voi correte a prenotarlo: non ve ne pentirete!
Vi lascio qualche link utile:
Blog dell'autore
Il bel forum "Vintage Forum" dal quale, spero senza alcun danno, ho preso qualche immagine
L'interessante rivista "Sbam! Comics", da cui ho ricavato la foto di Emanuele
Il sito di E - Commerce Amazon da quale ordinare il libro

E' proprio tutto, ci si risente la settimana prossima per il Romics!
Ciao!