Aggiornati su questo blog tramite una mail!

sabato 16 agosto 2014

I materiali, da scegliere con attenzione!

Non ho usato più i pennelli.
Sono un pasticcione, era più l'inchiostro che mi buttavo addosso o - peggio - che finiva riverso sulla tavola che quello utilizzato! Inoltre il pennello ha bisogno di una certa "manutenzione" verso la quale, lo ammetto, non ho mai avuto pazienza; così, nel corso degli anni, ho cercato con cura e attenzione dei pennarelli (tecnicamente si chiamano così anche se é un termine generico che non rende affatto l'idea) che fossero quanto più possibile vicino al concetto di pennello.
Magari qualche appassionato come me può trovare utile conoscere quello che uso oggi io dopo tante ricerche:
Ho disegnato molto con i noti Copic, specialmente per le inchiostrazioni, ma ho finito per rallentare non solo a causa del costo e della reperibilità, ma sopratutto per la rigidità delle punte, davvero eccessivamente dure. Per le linee, invece, ho consumato decine e decine di Staedtler  trovando anche queste di una durezza eccessiva.
Così, ora, per le linee utilizzo nuovamente una marca che mi fa tornare indietro di 25 anni, ai tempi delle superiori e di grafica pubblicitaria: i pennini Rotring! Anzi, per la precisione, i Rotring Tikky Graphic del diametro variabile a seconda di ciò che dovrete disegnare; sono morbidi e maneggevoli. Affidabilissimi.

Per l'inchiostrazione, invece, ho "sperimentato" con piacere ciò che mi era stato consigliato da un amico professionista: lasciamo così la Germania per abbracciare il Giappone e i suoi mangaka! Ecco dunque i sensibilissimi pennarelli Fude Pen e Pentel: hanno punte che somigliano molto ai pennelli tradizionali, sono morbidi e sensibili: a seconda di come fate pressione la linea uscirà più o meno marcata; ideale quindi per grandi o piccole inchiostrazioni (anche qui potete comunque decidere lo spessore della punta a seconda dei bisogni quando andrete a comprarli).
L'inchiostro é ricaricabile in maniera assai semplice e l'impugnatura alta aiuta molto i movimenti. Li consiglio senza indugi, quindi!
Alla prossima. :)




Nessun commento:

Posta un commento