Aggiornati su questo blog tramite una mail!

domenica 22 dicembre 2013

Buone festività!

Carissimi amici, nel ringraziarvi dell'interesse sempre più gradito che sovente dedicate a questo blog e al suo autore, vi auguro felicità e un magnifico 2014.
Di cuore.
Francesco L. P. 013

lunedì 9 dicembre 2013

Pagina ufficiale su Facebook.

Ricordo a lorsignori che è sempre attiva la mia "pagina ufficiale" Facebook con cui vedere qualche disegnino ed essere informati sulle attività di un pessimo autore.
Basta andare al link qui sotto e cliccare su "mi piace". :)
https://www.facebook.com/pages/Francesco-L-P-013/574402435905882?fref=ts
Grazie a tutti!

lunedì 2 dicembre 2013

Nutrirsi di libri.

Dopo diversi anni dal mio trasloco, son riuscito a realizzare la stanza con lo studio come volevo io! Ora sono circondato da libri, libri dappertutto! Di fianco al letto librerie e librerie: mi sveglio già felice.
Io adoro i libri, il loro aspetto, ciò che contengono, il poterli toccare e rileggere a piacimento. Sono un feticista della carta!
Questo é quanto.

mercoledì 27 novembre 2013

Frankenstein Junior fa ridere ancora!

Ieri sera, dopo 40 anni e per una sola volta, in alcuni cinema italiani é tornato in cartellone il cult movie di Mel Brooks "Frankenstein Junior", caposaldo della comicità senza confini.
Non starò a dilungarmi sulla trama o su altre banalità che praticamente chiunque conosce su questo titolo meraviglioso! Quello che mi preme raccontare é la gioia e il divertimento che ho provato sprofondato nella poltrona, nonostante lo veda ogni anno da decine di anni a questa parte.
Lo adoro.
Il cinema, di splendidi titoli, ne ha fatti, ne fa e ne farà sempre.
Questo, però, é di quella rara progenie capace di travalicare confini e stagioni, sino a farne quello che é oggi: un capolavoro immortale; certo, nel finale qualcosa si perde, la creatura che si sbottona i pantaloni davanti alla promessa sposa di Frederick é una inaspettata caduta di stile, ma per il resto io e le altre persone presenti in sala abbiamo riso dall'inizio alla fine. Il lungo, lunghissimo piano sequenza iniziale oggi non si potrebbe fare più. Anche questo é certo. Viviamo un'epoca "giovane" nella quale tutto va di corsa, tutto é fagocitato e risputato  con la velocità di un proiettile: anche il film deve avere l'andamento di un lungo, frenetico videoclip, che talvolta va bene e talvolta schiaccia i sentimenti dei protagonisti; anche questo é il progresso (?).
Sapete bene come in questo titolo funzioni tutto: dalla messa in scena alle musiche, dagli attori (tutti straordinari) al perfetto adattamento italiano, con un Oreste Lionello che presta la voce al protagonista, Gene Wilder, semplicemente da Premio Oscar.
Lui e l'attore.
Quest'ultimo, Gene, é qui capace di riuscire in un'azione che raramente sorride all'attore, anche a quelli bravi: crea una maschera. Una maschera insuperabile di tic, espressioni,  paranoie, sbalzi d'umore, tenere fragilità.
Quando compare in scena, dopo qualche minuto, basta il guizzare del collo, l'apparire del capello a cannolo, l'occhio vagamente paranoide che la platea - tutta - esplode a ridere fragorosamente.
Pensate riesca a tutti? Rifletteteci: nessuno ride al solo apparire di mostri sacri della risata, che abbisognano perlopiù della battuta capace, della situazione esasperata o dell'istrionismo più puro per raggiungere l'anima ridanciana del pubblico; Gene Wilder - anzi, Frederick Frankenstin - no. Lui trionfa immediatamente grazie ad una pur semplice acconciatura, a dei baffetti tutt'altro che perfetti, a quell'espressione disegnata a metà tra una pecora umiliata e un folle conquistatore.
Che siate grandi o piccoli, vicini o lontani, procuratevi un  disco di questo film, o correte a vederlo nelle sale d'essai dove a volte il folto fan club si raduna per vederlo ancora e ancora e ancora.
Non ve ne pentirete.
Io ce l'ho, naturalmente, perché é una di quelle opere capace di tirarmi su il morale in un giorno loffio o di strapparmi una risata malgrado conosca a memoria (come tanti altri abitanti del pianeta terra) ogni singola battuta del film.
Mi regalai, tempo addietro, un bellissimo cofanetto che, oltre alla copia in DvD, contiene diversi spassosissimi gadget: una t-shirt, una tazza, un cappello, un ombrello e un libricino.
Guai a chi me lo tocca!

mercoledì 20 novembre 2013

"Carne umana" scelto dallo staff di Lulu come libro consigliato.

Grazie.
Sono passati oltre tredici anni da che scrissi questo libro horror. Sapere che, oggi, a tanto tempo di distanza qualcuno segua ancora divertendosi le gesta del Crotalo e dei suoi compagni di sventura, é un fatto che mi appaga e mi ripaga di tante notti passate a scrivere.

martedì 19 novembre 2013

La Ballata del Cammino Lontano reloaded.

Con questo titolo riletto e rivisto in ogni sua forma termina il lungo lavoro che mi sono sobbarcato per cercare di correggere le atrocità delle prime edizioni. :)
Oggi sono un pochino più soddisfatto dei miei libri.
Lo trovate qui:
http://www.lulu.com/shop/francesco-l-p-03/la-ballata-del-cammino-lontano/hardcover/product-21307239.html

domenica 17 novembre 2013

Presentazione portfolio Zagor.

Alla fine è stata una bella giornata, quella di ieri!
Nella sempre  bella cornice romana (e che Roma, dato che ci troviamo dietro al Pantheon!) della galleria d'arte CArt Gallery sita in via del Gesù (andateli a trovare, ne vale davvero la pena!), é stato presentato il portfolio (sin qui composto da due volumi) riguardante la riproduzione in carta pregiata di una tavola di TUTTI i disegnatori avvicendatisi sulle tavole di Zagor dal 1961 ad oggi.
Oltre ai curatori del progetto (Stefano Bidetti, Francesco Pasquali e Marco Andrea Corbetta) hanno partecipato Moreno Burattini (vulcanico curatore della testata, oltre che sceneggiatore principale) ed alcuni artisti in forza allo Spirito con la Scure: Michele Rubini, Oliviero Gramaccioni, Roberto D'Arcangelo, Walter Venturi, oltre al soggettista Vittorio Sossi, che critica tanto la mia scarsa attitudine nell'apparire e poi si é rifiutato quando Moreno lo ha chiamato al suo fianco! :D
Diverse risate e qualche appetitosa anticipazione sullo Zagor che sarà hanno accompagnato la presentazione, e almeno per il sottoscritto non é mancato l'entusiasmo nel riabbracciare, molti anni dopo, l'amico Fabio Mantovani, che era di passaggio lì per l'organizzazione di un evento cui non mancherò di tenervi informati, e che per me rappresenterà sempre una persona speciale: abbiamo condiviso l'ardua esperienza del servizio militare.
Ringraziando tutti i presenti alla serata, vi lascio con la locandina del film "Noi, Zagor!", che mi sono fatto autografare dagli autori presenti.
Buona domenica a tutti!


mercoledì 13 novembre 2013

Metti una sera con Suspiria...

Sembrava una serata come le altre, quella di ieri.
Superate da poco le 19,00 stavo già sul divano, annoiato; picchiettando svogliatamente sull'iPad chattavo un pò con qualche amico.
Nella fattispecie, chiacchieravo del più e del meno (e di teatro) con l'amico Giovanni Lombardo Radice, con cui scambiare due parole è sempre piacevole e divertente: mi stava dicendo che da lì a poco sarebbe andato al Teatro Valle (occupato) per vedere "Suspiria" accanto a Dario Argento (Giovanni tiene lì alcuni seminari sulla recitazione) e che avrei fatto bene ad andare.
Non ne avevo alcuna voglia! Ormai, con la testa, avevo "staccato", l'idea di rivestirmi, affrettarmi per raggiungere il teatro e mischiarmi alla (presumibile calca) non mi solleticava. Metteteci, poi, che ieri sera a Roma pioveva che Dio la mandava. Ci siamo salutati.
Poi, pian piano, ecco che qualcosa mi diceva di muovermi, di scrollarmi di dosso la pigrizia che m'avvolgeva come una ragnatela e di scuotermi un pò, che non sono (ancora) diventato un vegetale.
Ho così cambiato idea, ma l'ora era tarda: doccia lampo, vestiti presi alla rinfusa e via sul primo bus verso Largo di Torre Argentina!
Ne é valsa la pena.
Certo, qualcosa nell'organizzazione dei ragazzi del teatro occupato si può rivedere: orari, chiarezza sulla modalità d'ingresso etc., ma poi, per davvero pochi Euro, mi sono rigustato il capolavoro di Argento sprofondato in poltrona: video ottimo, audio eccellente, nulla da eccepire.
Alla fine della proiezione é arrivato proprio lui, il Darione Nazionale, che ha parlato a lungo (aiutato  -?- anche dal critico Enrico Ghezzi in collegamento tramite Skype) del suo cinema e delle motivazioni che lo spingono ad indagare nei meandri del suo subconscio!
Ecco il regista romano in una foto tratta da Wikipedia.
Dario non s'è sottratto nemmeno alle domande, talvolta eccessivamente complesse ("cos'é la paura? Cos'é il potere?") talvolta un pò più bizzarre rispondendo con particolari mai sfuggevoli agli spettatori presenti in sala.
Davvero una bellissima serata.
Ecco una fotografia di ieri sera tratta dal profilo Facebook del teatro Valle:
https://www.facebook.com/teatrovalleoccupato?fref=ts
Alla fine mi sono avvicinato al regista e ci ho scambiato due parole, proprio due di numero,  ottenendo una dedica su una brochure del film che avevo portato da casa! E' stato gentilissimo.
Alla fine, stanchissimo, s'era fatto tardi e non c'erano che bus notturni (ve l'immaginate?) son tornato a casa assai soddisfatto. Ringrazio tutti con menzione speciale a Giovanni Lombardo Radice, senza la cui imbeccata io sarei rimasto là, intrappolato sul mio divano!
Ah, grazie anche per la dedica messa su una fotobusta di cui vado orgoglioso! "Paura nella città dei morti viventi", di Lucio Fulci.
Per oggi é davvero tutto.

venerdì 1 novembre 2013

Il Segno di Zagor, presentazione romana.

Ricevo e riporto: alla presentazione sarò presente anche io.

In omaggio agli autori che in 50 anni di avventure hanno disegnato il personaggio Zagor, la rivista SCLS Magazine, espressione di www.spiritoconlascure.it, un forum di appassionati zagoriani nato nel 2003, ha realizzato il portfolio in due volumi dal titolo "IL SEGNO DI ZAGOR"; si tratta di una elegantissima pubblicazione che vuole raccontare l’avventura dell’amato personaggio dei fumetti attraverso la riproduzione delle tavole originali di tutti i suoi disegnatori, a cominciare dal creatore grafico del personaggio, Gallieno Ferri, corredate da due esclusivi fascicoli interamente dedicati alle opere raccolte e ai loro autori. 

SABATO 16 novembre, alle ore 17,30 
presso la CArt Gallery, galleria dedicata alle tavole originali ed alle illustrazioni (Via del Gesù 61, Roma), 
avrà luogo la presentazione dei due volumi. 

Parteciperanno gli autori, con la presenza di Moreno Burattini, Gallieno Ferri, Marcello Mangiantini, Michele Rubini, Stefano Andreucci, Mauro Laurenti, Massimo Pesce, Alessandro Chiarolla, disegnatori di Zagor, e altre presenze a sorpresa. 
Saranno esposte tavole, disegni originali e altro materiale. 
Nell'occasione sarà possibile ritirare copia dei due volumi (costo di ciascun volume 70 €), e - volendo - far autografare le stampe dagli autori presenti. 

Tutti gli appassionati di Zagor e del fumetto sono invitati a partecipare! 

lunedì 28 ottobre 2013

Il ritorno del Crotalo!

No, non sto parlando di un improbabile sequel di "Carne umana", horror uscito quasi quattordici anni fa, ma della sua revisione totale.
Niente più refusi (almeno spero), niente parquet sulla metropolitana (giuro, c'era!) e via tutte le cose assurde o errate che un autore allo sbando compie quotidianamente (ahimé).
Per gli interessati, il libro si trova qui:
http://www.lulu.com/shop/francesco-l-p-00/carne-umana/hardcover/product-21271987.html
Grazie.

mercoledì 23 ottobre 2013

"Noi, Zagor"! Io c'ero.

Dico la verità: non mi ero interessato a questo film documentario. Forse perché le "celebrazioni" zagoriane cui ho assistito negli ultimi anni son state tante (troppe?), forse per un pizzico di pigrizia o soltanto per distrazione; chissà.
Fatto sta che quando l'amico Giancarlo, a poche ore dalla proiezione romana, mi ha ricordato l'evento sono andato.
Devo dire di non essermene pentito.
Mi sono divertito. Non che fossi propriamente ben disposto, intendiamoci: confesso di non aver particolarmente apprezzato il pur lodevole lavoro di Giancarlo Soldi per "Come Tex nessuno mai" approdato prima nelle sale e poi in edicola versione DvD. Perché? Perché l'ho trovato eccessivamente "di parte", poco profondo, troppo accennato. Chi mi segue sa che evito accuratamente ogni tipo di recensione su questo spazio, altri e più meritevoli di me se ne occupano ovunque, però non posso esimermi dal condividere con voi il pizzico di delusione avuta dopo la visione del film di Soldi: ma come? Nessun intervento di Civitelli? O di Fusco? Tre secondi in croce per Claudio Villa? Tra i lettori del ranger ci sono italiani lodevolissimi come Francesco Guccini, Umberto Eco, Roberto Vecchioni, tanto per citare i primi che mi vengono in mente, e chi ti vedo nel film? Ricky Tognazzi (seppur regista in gamba) perlopiù lasciato parlare meno di un minuto!
Certo,  con Zagor é stato diverso: vuoi l'affetto adolescenziale che mi lega allo Spirito con la Scure, vuoi che il 90% dei protagonisti del film o li conosco o, addirittura, sono miei amici, vuoi ancora per la bella musica di Graziano Romani...ma "Noi, Zagor" m'é piaciuto di più. Me lo sono gustato. Per un disegnatoraccio come me, inoltre, i tanti dietro le quinte zagoriane sono stati densi di interesse, e anche i momenti divertenti non son mancati.
Lode personale ai tanti disegnatori che hanno fatto da spola tra le varie sale di Roma per presenziare al film e firmare autografi, eseguire disegni, discutere con gli appassionati. Davvero una bella iniziativa.
Nella sala in cui sono stato io c'erano Mauro Laurenti, Massimo Pesce, Alessandro Chiarolla e l'impagabile Walter Venturi, rimasto fino alla fine per disegnare.
Ecco lo Zagor che ha fatto a me, a proposito! Grazie infinite.
Insomma tra un pò di nostalgia, qualche risata tra amici e la passeggiata piuttosto breve per arrivare al cinema Barberini, la serata é trascorsa piacevolmente.
Si tratta o no di un capolavoro, si starà però chiedendo qualcuno, e la mia risposta é...non lo so!
Non si può giudicare un progetto come questo con i parametri che usereste per un film tradizionale; troppe cose, quasi sempre personalissime, sono in gioco per poter dare un giudizio netto e tranciante. Siete zagoriani di ferro? Lettori occasionali? Spettatori che non sapevano come passare questa due giorni? Ecco, ognuno di loro darà un parere che potrebbe essere diametralmente opposto. Troppo breve? Finale con le cover troppo lungo? Poco approfondito su certi passaggi, foto viste e straviste? Sono tutti pareri e obiezioni che stanno benissimo in piedi.
Andatelo a vedere, comunque, poiché troppo spesso ci lamentiamo di come il fumetto venga trattato in Italia e poi disertiamo iniziative come questa.
Permettete di lasciarvi con un piccolo tarlo che ogni tanto si affaccia in me: il lettore zagoriano, quello facente parte dello zoccolo duro, é uno strano "animale": buffo, grosso, onnivoro.
Proprio il fatto che mangi tanto e di tutto potrebbe far sorgere il sospetto che qualcuno si approfitti dello Spirito con la Scure per proporre gadget, film, pubblicazioni che attirerebbero il nostro animaletto collezionista ingolosito da null'altro che il simbolo di Zagor in calce.
Sono certo, almeno per quanto riguarda il regista di questo film, Riccardo Jacopino, che le cose non stanno così.
A risentirci!
Zagor, c. by Sergio Bonelli Editore.
Il bellissimo disegno che buca letteralmente lo schermo in apertura di post é dell'amico e disegnatore zagoriano Gianni sedioli, presente anch'egli nel documentario.

mercoledì 9 ottobre 2013

Incontro con Roberto Vecchioni

Quella che vedete sopra é l'ultima fatica di un artista a me particolarmente caro, Roberto Vecchioni, del quale dovrei dilungarmi per spiegare l'importanza che egli ha avuto nella mia vita. Vi risparmierò, invece, ogni altra parola, dato che dovrei trasudare miele da ogni lettera e non sono così capace.
Vi basti sapere che l'ho incontrato tre volte, l'ultima oggi, e si é rivelato il solito personaggio straordinario: amabile, colto, civilissimo, gentile col suo pubblico e con gli intervistatori.
Oggi é stato un giorno un pò più speciale per me, dato che ho potuto finalmente regalargli una copia dello "Zagortenayde" che avevo da parte per lui da che il tomo uscì.
Vedete qui sopra la cover del volume, ne ho parlato diffusamente qui dentro in più di un'occasione.
Vecchioni é un appassionato di fumetti e di Zagor in particolare (oltre ad altri personaggi ovviamente) e si è dimostrato lieto del dono e lusingato della mia citazione che avevo inserito nell'articolo di cui mi sono occupato.
Io, dal canto mio, ho preso una copia della sua "favola" "Il libraio di Selinunte" (Einaudi)!
Questi qui sotto, invece, sono gli scambi di dediche:
...dedica che va ad aggiungersi alle altre due, graditissime: 



Insomma, una di quelle giornate per cui torno a casa gratificato, la sera.
Grazie, Prof, grazie di tutto.


domenica 6 ottobre 2013

Romics autunnale 2013!

Eccoci! Come sempre da quando ho inaugurato questo spazio, faccio un breve resoconto della mia passeggiata al Romics (ancora in corso mentre scrivo) svoltosi alla Nuova Fiera di Roma. Ci sono stato ieri con un paio di amici e, come al solito, mi sono divertito!
Non parlerò delle fantastiche ragazze amanti del cosplayer (perché ho quarant'anni e non voglio passare per un maniaco sessuale) che ti fanno cadere la mascella a terra ogni metro percorso, bensì degli acquisti e dei tanti autori presenti alcuni dei quali, lo sapete, sono amici.
Andiamo con ordine: innanzitutto prosegue la mia collezione Bandai con un pezzo FONDAMENTALE! L'insuperabile "ferraglia" del Grande Mazinga...proprio lui, il simpaticissimo, goffo Boss Robot!

Quindi il piccolo "museo" che sta a casa mia si arricchisce di un bellissimo originale a colori di un'eroina a me tanto cara: Vampirella!
Sempre piacevole, dicevo, scambiare quattro chiacchiere con i tanti artisti che rendono migliore la vita di tutti gli appassionati di fumetto: Massimo Pesce, Mauro Laurenti, Walter Venturi, tanto per citare quelli che sono riuscito a vedere. Menzione a parte merita Marco Foderà, che non solo é un disegnatore eccelso, ma un uomo simpatico e vulcanico: per rendervi conto di chi parliamo posto una chicca (da lui realizzata) presente nella mia collezione:
Niente male, dico bene? Piacere di averti conosciuto "dal vivo" Marco, dato che su Facebook ci "frequentiamo" già da un pò!
Alla prossima.

domenica 29 settembre 2013

Per i 25 anni di Ironsword.

Carissimi amici, l'anno che verrà sarà importante per me e per uno dei miei personaggi, che raggiungerà i 25 anni di vita.
Stavo pensando ad un modo per festeggiare "l'evento", come per i 20 anni avrei potuto distribuire dei gadget o altra paccottiglia che magari finisce nel secchio della spazzatura! Spero, così, di far cosa gradita festeggiando, invece, in un altro modo; come?
Pubblicando, gratis ovviamente, il romanzo della Grande Morte Bianca "Testamento ipocrita di un guerriero", a puntate settimanali su questo blog.
Occasione per chi non lo ha letto di poterlo fare o di rileggerlo per chi a suo tempo lo prese.
La prima "puntata" sarà on - line il giorno 2 gennaio 2014,  naturalmente avremo modo di riparlarne.
Spero di aver scelto bene!
Un abbraccio a tutti.

Francesco L. P. 013.

giovedì 12 settembre 2013

Il Segno di Zagor, completamento dell'opera.


La splendida proposta immaginata quest'anno da SCLS Magazine per celebrare in modo adeguato i 50 anni di storia editoriale di Zagor e il decennale del Forum completa il suo percorso!!!

Il portfolio, che intende dare lustro a chi ha disegnato le avventure di Zagor nei suoi primi 50 anni di vita, è diviso in due volumi, secondo una ripartizione rigorosamente cronologica; a giugno avete potuto vedere e ricevere il volume 2 (pubblicato per primo); nel prossimo mese di ottobre sarà disponibile il volume 1, che tratterà i disegnatori dello Spirito con la Scure dagli esordi fino al 1995. Vedremo così il lavoro di Ferri, Chiomenti, Cubbino, Bignotti, Donatelli e via di seguito fino all'esordio di Raffaele Della Monica.

L'insieme dei due volumi consentirà quindi di disporre di una fantastica raccolta di tutti i disegnatori zagoriani contenente le riproduzioni di tavole tratte dalle loro prime storie in formato originale! Ogni stampa riproduce infatti una tavola originale in modo fedele, valorizzando il tratto, la pennellata, il lavoro dell’artista che l’ha realizzata. In una volta sola sarà quindi possibile vedere Zagor disegnato da tutti coloro che hanno fatto parte dello staff della testata nel corso degli anni.

La pubblicazione è arricchita da una copertina inedita, disegnata appositamente dal maestro Gallieno Ferri; per il volume 1 essa ha avuto una diversa colorazione, più "classica", a sottolineare come si faccia riferimento alle fasi iniziali del fumetto. È inoltre corredata di un numero speciale della rivista SCLS Magazine specificamente dedicato al volume.

È ovviamente autorizzata dalla Sergio Bonelli Editore. L'inserto del volume 1 si avvale peraltro dell’introduzione del responsabile della testata, Moreno Burattini, e di un articolo di commento del precedente responsabile, nonché grande autore zagoriano, Mauro Boselli .

Una pubblicazione mai vista e in tiratura limitata di 200 copie per volume. In una volta sola tutti i disegnatori, le loro storie, i loro stili, le loro peculiarità, analizzate, rese visibili e disponibili per tutti gli appassionati.

Il prezzo di ciascun volume - contenente 17 stampe di tavole e lo speciale della rivista, composto da un numero di pagine decisamente maggiore rispetto al solito - è di 70 euro a copia.

Come già fatto per il volume precedente, considerando che il portfolio è voluminoso, al fine di evitare il più possibile spedizioni postali che ne potrebbero compromettere l’integrità e risultare altresì dispendiose, questa volta abbiamo adottato un sistema diverso per la distribuzione. Cercheremo infatti di essere presenti al maggior numero di eventi fumettistici possibili per poter consegnare a mano il materiale.

Dovremmo cominciare - se il portfolio sarà pronto - da Bologna Comics (12 ottobre) e dal raduno del decennale del Forum a Palermo (18-19 ottobre), nonché Reggio Emilia (Sabato 14 e domenica 15 dicembre 2013), per poi organizzare anche un appuntamento a Roma (durante il mese di novembre), e forse successivamente a Milano, in cui presentare l'opera con la partecipazione di qualche autore.
Per chi volesse comunque siamo disponibili anche ad adoperarci per l’invio postale.

Il pagamento deve sempre essere anticipato a mezzo bonifico bancario per consentirci di portare alle mostre un numero adeguato di copie senza viaggi inutili.
A richiesta specifica è disponibile anche la ricarica postepay.

È possibile fin da ora prenotare il volume che completa l’opera.
Sbrigatevi a prenotare la vostra copia, QUESTO È UN PEZZO IMPERDIBILE PER OGNI ZAGORIANO!

Sono peraltro ancora disponibili copie del volume 2; per chi non lo avesse ancora acquistato è pertanto possibile ordinare i due volumi insieme e fare ricorso ad un'unica procedura di consegna.

Per ulteriori informazioni:
sclsmagazine@gmail.com
tel. Francesco Pasquali 0864-72324 (Raiano - AQ)
tel. Stefano Bidetti 348-7681641 (Roma)

lunedì 9 settembre 2013

Critical Comics



Per la presentazione di questa meritevole iniziativa lascio la parola a Laura Scarpa:

"Cari amici e colleghi, giornalisti e appassionati i fumetto
come alcuni di voi hanno già avuto modo di sapere, annunciamo date e temi dell’incontro Critical Comics, il primo meeting internazionale italiano sul ruolo della critica nel fumetto.
Che ruolo hanno i critici? Chi sono, prima di tutto, i critici di fumetto, e come stanno cambiando? Dove pubblicano e in che modi diversi? e dove vanno oggi fumetto e critica? 
Ce lo diranno docenti, critici, giornalisti e blogger italiani e Alvaro Pons e Dietrich Grünewald, per raccontarci il fumetto in Spagna e Germania.
Inoltre il primo incontro approfondirà l'opera di Andrea Pazienza artista e scrittore nel fumetto.
Gli incontri si terranno tutti presso la Galleria Cart, in via del Gesù, a Roma, che assieme a ComicOut è creatrice e organizzatrice dell’evento, tranne il primo incontro che si terrà venerdì  presso la vicina libreria Fandango.
Sponsor della manifestazione sono infatti Fandango Libri e il Goethe Institut.
Vi aspettiamo, troverete nella galleria (in cui è in mostra l'arte di Enrique Breccia) anche i volumi di saggistica sul fumetto attualmente disponibili.
Inoltre sarà una grande occasione di incontro e dialogo tra critici, giornalisti, autori ed editori... ma certo anche lettori."

Laura Scarpa
per
Ass. Cult. ComicOut 
via Prenestina 18 - Roma
338 1307657

domenica 8 settembre 2013

Narnia 8

Tornato fugacemente dalla mostra / mercato di Narni (Terni) giunta all'ottava edizione, non ho potuto purtroppo gustarmela appieno come gli scorsi anni, a causa di un bruttissimo intoppo familiare avuto in mattinata.
Come "mercato" vero e proprio, probabilmente, la kermesse della cittadina umbra non é all'altezza di altre, ma il numero di autori presenti batte ogni altra concorrenza.
Qui ho sempre il piacere di ritrovare veri e propri amici come Mauro Laurenti, Stefano Andreucci e tanti altri, oltre alla solita combriccola di appassionati che svolazzano tra i vari stand e con i quali, ormai, ci si conosce da anni.
Visto che non ho molto altro da raccontare, vi mostro semplicemente ciò che ho preso:

Il nuovo art book di Marco Santucci, sempre bravissimo.

...Con disegno annesso raffigurante proprio Domino.

Dell'artista ho preso anche il nuovo e originalissimo portfolio 2013, che aperto raffigura per esteso un unico scenario!
Una tavola dello straordinario Bruno Brindisi tratta da Nick Raider...
E una da Dylan Dog.
Questa sopra, invece, é una tavola originale del poliedrico Giampiero Casertano tratta da un gigante di Dylan Dog.
Nell'affollato stand di Mauro Laurenti era disponibile un suo lavoro erotico oltre ad un paio di stampe da collezione. Quella che vedete sopra è la mia!
Anche se non c'entra con Narni Fumetto, ne approfitto per mostrarvi la dedica che il regista Lamberto Bava mi ha fatto sul programma del Nettuno Film Festival: sono da sempre un fan dell'horror Démoni.
E' veramente tutto. Spero soltanto di rifarmi all'imminente Romics di ottobre per un tuffo nei fumetti più sereno.
Buone cose!


giovedì 29 agosto 2013

Lola Airaghi, professione fuoriclasse.

Oggi, per la serie "rifarsi gli occhi", Lola Airaghi: basterebbe postare solo alcune delle sue opere per evitare di sprecare troppe righe.
Lola é una delle migliori illustratrici che abbiamo in Italia, a parer di chi scrive, il suo tratto pastoso (pieno ma mai pesante) stuzzica il gusto di ogni amante del fumetto e dell'immagine disegnata!
Come non bastasse, la disegnatrice lombarda è una persona pari al suo estro (tanto per riallacciarmi ad un post piuttosto polemico che ho scritto su Facebook tempo fa): gentile, disponibile e per nulla "montata".
Vabbé, non fatemi diventare troppo complimentoso che non va bene!
Per chiudere vi rimando al suo blog:
http://www.postcardcult.com/canale.asp?sezione=62
E basta!
"Brendon" e "May" sono personaggi della Sergio Bonelli Editore.