Aggiornati su questo blog tramite una mail!

mercoledì 2 maggio 2012

Un pizzico di Photoshop!

Sono vecchia maniera (sarà l'età?) e amo ancora le tavole che trasudano china e matita, quelle fatte "come una volta", per continuare con i parallelismi culinari; oggi, effettivamente, l'uso di PC sulle tavole si è fatto consistente! A parer mio talvolta troppo, come dicevo: basta guardare qualche copertinista italiano o qualche autore manga per vedere l'uso massiccio di programmi come Photoshop o Manga Studio invadere il tratto "tradizionale" di un autore: sfondi e retini risulta più veloci farli con le nuove tecnologie. Ho visto di persona alcuni studi di disegnatori e sembravano più scrivanie per art decor che non tavoli da disegno.
E' il progresso, naturalmente, nulla da obiettare!
Tanto é vero che Photoshop (di Comic Life vi ho già parlato!) lo uso anche io: dopo aver stampato la tavola con già il lettering e le squadrature per le vignette e aver realizzato matite e chine, rimetto la tavola finita nello scanner e vado a montare le tavole su quello che sarà il foglio stampato che rilegherò in un albetto da 40 pagine: scelgo quindi il formato di ogni tavola, mi occupo dei credits e della quarta di copertina, quindi stampo tutto e spillo con una spillatrice di grande formato. Un fumetto auto prodotto necessita di molti passaggi che portano via mesi di lavoro, per un risultato che può essere letto in meno di 10 minuti!
Così va la vita per i fumettari squattrinati!

4 commenti:

  1. Totalmente d'accordo.
    Ci sono autori che ormai usano i retini con le automobili, i palazzi, ecc.
    Ce ne sono altri che utilizzano delle fotografie ritoccate per sembrare fumetto.
    Credo siano esagerazioni. Diciamo che non mi piacciono, va'.
    Ciò non toglie, come dici tu, che la tecnologia può essere un validissimo aiuto. Senza Photoshop io dovrei armeggiare con i retini adesivi, dovendo affrontarne la spesa e anche il lavoro che essi richiedono. Avendo così sempre meno tempo a disposizione per disegnare il fumetto vero e proprio.
    Usate con moderazione tutte le cose sono belle e utili.
    E il troppo stroppia sempre.

    RispondiElimina