Aggiornati su questo blog tramite una mail!

lunedì 9 aprile 2012

Carne umana

E' un libro molto importante, per me, questo. Scritto a cavallo tra il 1999 e il 2000, mi permise di "sfogare", di utilizzare per la prima volta in vita mia uno scritto come qualcosa di terapeutico.
In Carne umana c'é tutto il veleno, le tossine accumulate in quegli anni, la rabbia e l'insofferenza che non riuscivo a sfogare altrove.
Sono tutte qui, in questo libro. Da principio doveva intitolarsi "L'ultima pestilenza", che é il nome con il quale effettivamente intitolai il floppy disk che conteneva la prima stesura del racconto!
Uscito su diversi siti Web dedicati all'horror e ai libri dei giovani esordienti, questa storia ebbe una bellissima accoglienza,  tanto che ancora oggi si trova in numerosi siti. Il passaparola fu veloce ed entusiasta, tanto che all'uscita cartacea (ad opera della Lulu in print on demand) Carne umana andò benone; ogni tanto, a distanza di 12 anni, ricevo qualche piccolo contributo di diritti d'autore ancora oggi. Ed é bellissimo.

La trama:
Sudafrica, dicembre 1999: un piccolo gruppo di militari, accompagnati da alcuni medici, sta scortando il più grande criminale della terra verso la forca; la terra é piagata da un misterioso virus che resuscita ogni essere vivente che muoia, tramutandolo in un mostro aggressivo e omicida. Quando il blindato della spedizione viene attaccato da alcuni mostri, gli occupanti si rendono presto conto che l'unico in grado di salvarli é proprio colui che intendono condannare...

Il libro, copertina rigida con sovraccoperta, consta di 136 pagine e potete acquistarlo qui:
http://www.lulu.com/shop/francesco-l-p-00/carne-umana/hardcover/product-3108860.html
Dato il buon riscontro (nei limiti di un'operazione come questa, naturalmente!) Carne umana venne ristampato in formato pocket e venduto presso una libreria romana.
Eccovene la cover:
Oggi non scriverei più su un tema simile, trovando che il genere "zombesco" abbia esaurito col tempo tutto ciò che aveva da dire!
Per oggi é tutto!

2 commenti:

  1. Ed è un successo strameritato.
    Un libro che consiglio a tutti gli amanti del genere e a tutti gli amanti dell'horror e dei thriller a narrazione serrata.
    Astenersi Liala-dipendenti. ;)

    RispondiElimina